domenica 27 giugno 2010

alla fine di giugno

non sono le prime patate dell'anno. qua e la erano spuntate piante di patate, dove l'anno scorso non le avevamo raccolto bene. in mezzo ai camminamenti, ai fagioli, alle insalate... appena dopo la fioritura ne ho tolte qua e la. sono patatine piccole e la buccia è ancora morbida, si toglie così fra le dita. per evitare "il mal di pancia" queste patatine novelle vanno buttate nell'acqua bollente, e quando riprende il bollore si scolano e si mettono su con acqua fredda. in 5 min. sono pronti. sia freddi che soffritti con poco olio sono una bontà.
ma queste nella foto sono patate "vere", "PREMIER". le foglie cominciano ad ingiallire, le patate sono di media grandezza, pasta gialla e soda.
via anche la seconda fila di piselli. (spazio per peperoncini). questi bisi erano a mezza rama, "RONDO". bacelli grandi dritti e verde scuro. erano facili da raccogliere (a circa 1mt di altezza) e da sgranare. non ho idea della resa perchè sono stati raccolti un pò alla volta senza mai averli pesati. adesso rimane un'altra fila, massimo una settimana ancora, sempra a mezza rama "SENATORE", con bacelli più piccoli, verde chiaro e molto pieni di piselli -che quasi diventano quadrati perchè non hanno spazio- così che si fa più fatica a sgranarli. il voto più alto va ai "RONDO".
i capucci sono pronti da mangiare.
guardate, i cavolini di bruxelles stanno ri-fiorendo. avevano già fatto i fiori, che poi sono diventati semi. adesso altra fioritura. bellissimi.
Posted by Picasa

2 commenti:

semola ha detto...

Mi piace l'idea, si va nell'orto e si coglie quel che c'è, non necessariamente quello che si è seminato o ci si aspetta.
Continuo a dire che mi piace il tuo orto. Forse perchè somiglia al mio.... ma nel mio ci sono meno cose.

losmogotes ha detto...

hai ragione, l'orto è grande e ci sono tante cose. a volte ci sembra di non riuscire a starci dietro. però va anche bene così, un pò in disordine. e pieno di sorprese.