venerdì 1 maggio 2015

ceci



























è tempo di piselli, che goduria aprire il bacello, che scoppia sotto la
pressione delle dita.
vedere questi bei bisi, lucidi, tanti e tutti in fila. sgranarli, e poi
stufarli con appena un pò di acqua.
dolcissimi.

con i ceci era diverso.
intano lasciano seccare le piante sul campo.
ci ho messo un bel pò di santa pazienza per sgranare i bacelli che sono
piccolini, e nei quali c'erano quasi sempre solo due ceci. (qualcuno ne
aveva anche solo uno.)
per fortuna non era stato seminato tutto un campo.
... ma poi in pentola, che bontà!!

2 commenti:

Vera ha detto...

noi i ceci dopo averli fatti seccare ben bene li stendiamo su un telo e ci facciamo camminare sopra i bimbi, poi si setaccia (meglio si ventilano)
oppure si chiudono in una federa che si sbatte e sbattacchia.
Sgusciarli uno a uno è una sofferenza!

losmogotes ha detto...

si, sgusciarli era un lavoretto di pazienza. per fortuna erano pochi...anche i nostri campesinos inventeranno qualcosa di simile, visto che il prossimo anno hanno intenzione di seminarne un bel pò di più. questi erano un'esperimento, e sono cresciuti bene. lì non c'è la tradizione dei ceci, anche se a tutti piace molto mangiarli.