sabato 20 agosto 2011

radici a confronto

triste avvenimento: due piante di melanzana morte. non è gravissimo, ce ne sono ancora tante altre, belle, sane e piene di fiori e frutti. e poi è anche una occasione per osservare le differenze fra le due radici. a sx una melanzana "normale", quella a dx una innestata. innestata su che cosa?, non lo so, visto che sono state acquistate tutte al consorzio. radici fine e tante, o grosse e poche. cambia qualcosa per la crescita? non ho notato differenze, a parte il fatto che quella innestata era già grande e fiorita dall'inizio, ma poi comunque le altre l'hanno raggiunta, sia in altezza che in quantità di melanzane. allora, vale la pena? mah.


4 commenti:

blogredire ha detto...

Le piantine ti sono costate gli stessi soldi?

losmogotes ha detto...

@marino - no, quelle innestate costavano mòlto di più. un mio capriccio?, una curiosità (per due piantine poi). si, dopo 10 gg dal trapianto già mangiavamo melanzane, quando quelle "normali" non avevano neanche i fiori.

Vera ha detto...

Solitamente sono innestate su pomodoro (ma non solo), l'innesto dovrebbe dare piante più vigorose e produttive. In realtà questo è vero solitamente solo in situazioni di grande disponibilità di acqua e concime. la precocità che hai notato probabilmente deriva da un anticipo di semina delle melanzane innestate che essendo molto più care giustificano un periodo più prolungato di cura in vivaio.
Buon raccolto losmogotes

losmogotes ha detto...

@vera - grazie, come sempre molto interessante il tuo commento.
infatti, di acqua e di concime ne hanno visto poco, come tutte le altre piante d'altronde.
...e intanto il raccolto prosegue e abbonda. ciao!