venerdì 28 maggio 2010

alla fine di maggio

e grazie ad altri amici arrivano altri semi, questa volta dalla sicilia: tra questi ci sono pomodori, melanzane e basilico, tutte da seminare in maggio-giugno. (siamo in tempo, miracolo!)
ci sono poi anche dei semi "differenti", come questi di zucchine (a destra sulla foto), fagioli con l'occhio e cocomero. siamo pronti agli esperimenti. a far crescere un pezzetto di sicilia nel nostro orto nordico. e a ricordare gli amici.


non poteva mancare una foto delle ciliege. confesso che è il ramo più bello e rappresenta circa il 0,5% del totale. il restante 99,5% è completamente aggredito dagli afidi, formiche & co. guardiamo il lato + bello...
Posted by Picasa

6 commenti:

F24 ha detto...

Che tipo di basilico?

blogredire ha detto...

Consolati,le mie ciliege sono ancora verdi,sperem!

losmogotes ha detto...

@F24
basilico dalle foglie piccole. arriveranno foto, se cresce.

@blogredire
verdi ma sane? hai fatto qualche trattamento? le nostre sono quasi tutte ammalate, e poi le foglie sono piene di afidi, appiccicose, arricciate. il piretro (1 volta sola, per la verità) ha fatto poco o niente.

maverick ha detto...

lo scambio dei semi è una cosa santa. Ecco come si aumenta la biodiversità alla faccia della tendenza a ridurre il tutto a poche varietà. Forse l'unico problema è saper gestire le piante per avere semi che mantengano le caratteristiche della specie e non si ibridino involontariamente. Se possi consiglierti una lettura (forse lo trovi anche in biblioteca, potresti leggere il "manuale pratico per salvare i semi e difendere la biodiversità" - Cogecstre Edizioni.

Barba
www.meridiana.splinder.com

ortolandia ha detto...

Quelli non sono fiori di zucchine ma di ortaggi appartenenti alla specie "lagenaria siceraria", una sorta di zucca rampicante, alcune varietà della quale sono molto diffuse in Sicilia..

losmogotes ha detto...

@barba
è cosa santa anche lo scambio delle idee e informazioni! grazie per il consiglio!
@ortolandia
grazie per la precisazione. andiamo a vedere se queste piante riescono a vivere quassù al nord.